Come Si Elimina La Vaselina

Come si elimina la vaselina dalla pelle, dal viso, dalle mani, ecc. A volte l’uso dell’acqua non è sufficiente. Qual è la soluzione? Leggete di seguito l’elenco dei 6 diversi modi in cui potete fare domanda.

Come si elimina la vaselina?

  1. Utilizzare una spugna konjac per assicurarsi che tutta la vaselina sia stata rimossa dalla pelle;
  2. Utilizzare un panno in microfibra umido;
  3. Utilizzare un detergente delicato (come il tonico) e una microfibra per rimuovere il prodotto;
  4. Utilizzare un olio detergente;
  5. Utilizzare l’acqua micellare;
  6. Applicare un sottile strato di vaselina la sera e spruzzare con acqua al mattino.

Analizziamo in dettaglio ciascuno di questi 6 metodi.

Utilizzare una spugna konjac

La spugna Konjac, appositamente formulata per detergere ed esfoliare delicatamente la pelle, è ricavata dalle fibre dell’omonima pianta (Amorphophallus Konjac).

Conosciuta in Asia da 1500 anni, viene utilizzata per detergere ed esfoliare delicatamente il viso e il corpo.

Grazie alla sua origine naturale, pulisce con successo i pori in profondità, eliminando punti neri, sporco e olio in eccesso con la sola acqua.

Incredibilmente delicata e gentile con la pelle, è adatta a qualsiasi pelle, anche a quella dei bambini. L’uso quotidiano ripristina la naturale luminosità e morbidezza della pelle.

Le caratteristiche tipiche di una spugna konjac sono:

– Alta qualità;

– Adatto a tutti i tipi di pelle;

– Uccide i batteri che causano l’acne, pulisce in profondità i pori del viso.

– Effetto sbiancante ed esfoliante a lungo termine e con un uso regolare.

– Aiuta a restringere i pori, regola e riequilibra, riduce la lucidità della pelle grassa e mantiene la pelle fresca, morbida e liscia.

– Esfolia delicatamente la pelle.

Pelle Del Viso Della Donna

– È ideale per le persone con problemi di pelle (come la pelle ipersensibile).

– È comodo da usare nella routine quotidiana in qualsiasi momento e ovunque.

Istruzioni per l’uso:

1. Immergere la spugna in acqua calda per qualche minuto, finché non diventa completamente morbida.

2. Massaggiare il viso con movimenti circolari con o senza gel detergente, a seconda dello sporco.

3. Al termine, sciacquare accuratamente la spugna e strizzare bene l’acqua rimasta (non strizzarla). Per una migliore asciugatura, dopo aver strizzato la spugna, è possibile asciugarla con un asciugamano o semplicemente appenderla ad asciugare.

4. Lasciare la spugna in un luogo fresco e ventilato.

5. Grazie alla sua origine naturale, ogni spugna può essere utilizzata per circa 60-70 giorni, quindi sostituita con una nuova. Essendo un prodotto completamente naturale, con il tempo inizia a ridursi e alcune fibre si strappano.

6. Per disinfettare, immergere la spugna per 3-5 minuti in acqua calda. Scolare l’acqua in eccesso e lasciarla in un luogo asciutto.

Utilizzare un panno in microfibra umido

Le microfibre appartengono alle fibre chimiche. Sono incredibilmente sottili, persino più sottili delle fibre di seta (che hanno un diametro pari a circa un quinto di quello dei capelli umani).

Nell’industria tessile, le microfibre sono definite come filamenti la cui finezza è inferiore a 1 dtex. Ciò significa che 10 000 m di tale fibra non possono pesare più di 1 gr.

Le proprietà possono variare a seconda del materiale utilizzato per la produzione. Il risultato è un tessuto incredibilmente adattabile con molti vantaggi rispetto ai tessuti in fibra naturale.

Di cosa è fatto il tessuto in microfibra?

Il materiale sintetico più comune con cui sono realizzate le microfibre è il poliestere. Tuttavia, a seconda di ciò che deve essere realizzato con la microfibra, si possono utilizzare anche il nylon e altre poliammidi.

Un pregiudizio comune nei confronti delle fibre artificiali è che siano meno rispettose dell’ambiente rispetto ai tessuti realizzati con fibre naturali.

Tuttavia, vale la pena di notare che i pesticidi non vengono utilizzati nella produzione di microfibre. La tintura dei filati non richiede l’uso di acqua, il che significa meno rifiuti in generale.

In confronto, la tintura del cotone richiede una grande quantità di acqua.

A cosa serve la microfibra?

L’uso più noto delle fibre è la produzione di prodotti per la pulizia, come panni in microfibra, stracci e mop.

Panno Di Pulizia In Microfibra

Poiché il filato è in grado di assorbire sette volte il suo peso in acqua, le fuoriuscite minori o maggiori possono essere facilmente eliminate. Inoltre, la microfibra è in grado di assorbire i batteri dalle superfici sporche.

Durante la produzione, le fibre si separano in singoli filamenti, rendendole particolarmente efficaci nel raccogliere e intrappolare lo sporco. Inoltre, la microfibra può attirare e intrappolare batteri e virus da molte superfici.

Gli agenti patogeni si nutrono di materia organica: la natura sintetica dei panni in microfibra è quindi perfetta, poiché i batteri vengono intrappolati nei filamenti e quindi uccisi.

In questo modo si riduce il rischio di diffusione di germi e malattie nelle cucine, negli ospedali e ovunque si utilizzino panni in microfibra.

I fili sono inoltre morbidi e delicati, in modo che anche le superfici sensibili non vengano danneggiate se pulite frequentemente.

Utilizzate un detergente delicato (come un tonico o una crema).

Il tonico per il viso è il prodotto che applichiamo sul viso dopo aver pulito il trucco con altri cosmetici.

L’uso del tonico, proprio come lo struccante, è uno dei passaggi fondamentali per la pulizia del viso.

Si occupa di liberare i pori e prepara la pelle all’applicazione dei prodotti successivi, siano essi la crema da notte (la sera), il trucco o la crema idratante (la mattina).

Tipi di tonico per il viso

È importante sapere che esistono 3 tipi di tonico per il viso, a seconda delle preferenze e delle esigenze della pelle.

1. Tonico per il viso con alcool

I tonici per il viso a base di alcol sono di solito piuttosto forti. Un ingrediente popolare nei tonici per il viso è anche l’hamamelis, così come altri simili che hanno un effetto astringente sulla pelle.

Spesso seccano la pelle. I tonici per il viso con alcool sono solitamente consigliati alle persone con pelle molto grassa e problematica.

2. Tonico per il viso a base di acqua e glicerina

Anche questo tipo di tonico per il viso è piuttosto forte, anche se meno di quello a base di alcol.

Pulizia Della Pelle Del Viso Con Il Tonico

Non è adatto alle pelli sensibili perché può causare arrossamenti. Spesso a questo tipo di tonico per il viso vengono aggiunte molte fragranze dall’odore invitante. Assicuratevi quindi di leggere l’etichetta.

3. Tonico per il viso a base d’acqua

Questo è sicuramente il tipo di tonico per il viso più consigliato. È delicato anche sulla pelle sensibile e non provoca irritazioni.

L’assenza di alcol lo rende perfetto per quasi tutti i tipi di pelle, perché non la rende né grassa né eccessivamente secca.

Utilizzare un olio detergente

L’olio detergente di alta qualità nutre la pelle e rimuove il sebo in eccesso, i prodotti cosmetici a base di olio e altre impurità, comprese le particelle sottili dell’aria inquinata.

Rende la pelle liscia, idratata e fresca e si trasforma in un’emulsione omogenea quando interagisce con l’acqua.

Può essere utilizzato prima dei detergenti per il viso a base d’acqua per una doppia pulizia efficace. È bene che sia privo di coloranti, profumi e oli minerali.

Utilizzare l’acqua micellare

L’acqua micellare non contiene alcol, coloranti, profumi e sapone.

È adatto a tutti i tipi di pelle e, soprattutto, può essere utilizzato per trattare anche le zone più delicate del viso, come il contorno occhi.

In pratica, l’acqua micellare pulisce assolutamente tutto, dal rossetto, al fondotinta, al fard, all’ombretto e persino al trucco waterproof.

Con esso è possibile detergere e rinfrescare la pelle senza temere reazioni allergiche avverse.

L’acqua micellare è adatta anche alla pulizia della pelle delicata dei bambini.

Ma cos’è che rende questo prodotto cosmetico un elemento così prezioso e indispensabile per la cura quotidiana della pelle?

Ciò è dovuto alle micelle di esteri di acidi grassi che contiene, particelle che assorbono le impurità e lo sporco.

A contatto con la superficie cutanea, i poli lipofili delle micelle si dissolvono e intrappolano il sebo in eccesso e le impurità all’interno della micella.

Vaselina

In questo modo l’acqua micellare pulisce in profondità l’epidermide e previene l’ostruzione dei pori e l’insorgere di altri problemi cutanei.

Non usare troppa vaselina

Applicare una piccola quantità di vaselina sul viso in modo da non avere il viso troppo viscido al mattino. Risciacquare con acqua finché non si elimina la sostanza e non ci si sente puliti.

In conclusione

La vaselina è uno dei prodotti cosmetici più convenienti che può essere utilizzato per una varietà di scopi benefici, compresi quelli medici.

Il petrolato naturale si ottiene da resine di legno purificate con sostanze speciali. La vaselina artificiale è una miscela di cera, olio di paraffina purificato e profumi.

Sono ampiamente utilizzati come ingredienti di creme cosmetiche e farmaci. Possiamo applicare la vaselina non solo sul viso, ma anche su talloni, gomiti e ginocchia.

La vaselina idrata la pelle, creando una barriera protettiva che aiuta a trattenere l’umidità.

E ora conoscete alcuni metodi per eliminarla con successo dalla vostra pelle.

Parlate presto,

Valeria

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.